Colaboran

Contacto - Contatto

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Instagram - Black Circle

© Copyright by OK Academy

Política de Privacidad - Condiciones de uso

Todos los derechos reservados

EDICIÓN EN ESPAÑOL

...nos gusta hablar de hockey

italy_icon_2.fw.png
banner_web_tienda_ch.gif
banner okphytraining.png
okcat_251.jpg
sussy_251.jpg

La capacità di catturare l'attenzione

Guillem Pérez Coca - @guilemperezz



Quello che leggerai qui sotto è un percorso di quella che considero un'abilità fondamentale “ catturare l'attenzione”. Per me, è un'abilità emotiva essenziale che gli allenatori devono attualmente sviluppare, al fine di trasmettere qualsiasi conoscenza e che sia assimilata. Stiamo formando ragazze e ragazzi con abilità sorprendenti ancora da scoprire e abilità da imparare, questa è la nostra responsabilità e dobbiamo essere coerenti con il nostro lavoro.




Sei mai stato interessato da qualcuno di cui non ti fidi?


Il giocatore si fida dell'allenatore quando è informato, competente, porta sicurezza, è coerente, sei appassionato di ciò che trasmette... per concludere, provoca cambiamenti volontari nelle menti e nelle azioni delle persone.

Per catturare l'attenzione non bisogna manipolare le persone, si tratta di generare trasformazioni in ogni individuo che da sole le aiutano a crescere dando più strumenti per adattarsi alle diverse situazioni che si possono trovare.

Pertanto, se vogliamo catturare l'attenzione, dobbiamo capire cosa pensano / sentono e credono i giocatori che alleniamo.

Per me, ci sono tre abilità emotive che gli allenatori dovrebbero mettere in atto se intendono accattivare il giocatore:



Ascolto attivo


Ascolta per capire, non per rispondere.

Lascia parlare, senza interrompere e senza anticipare.

Presta attenzione a ciò che si dice e che si sente.

Dedicare il tempo necessario.


“Quando parli, dìci quello che sai già. Ma quando ascolti, impari sempre qualcosa di nuovo. "

Albert Bosch


Per catturare l'attenzione dobbiamo conoscere l'atleta e imparare da lui o lei, quindi è essenziale ascoltare attivamente ciò che ha da dire e percepire ciò che sente.

Ascoltare l'atleta dovrebbe essere una priorità per gli allenatori, è l'unico feedback razionale che possiamo ottenere. Per questo, è necessario creare un clima di fiducia che ci consenta di ascoltare attivamente le informazioni necessarie per sapere se l'assimilazione dei contenuti è adeguata. Ogni giocatore impara in modo diverso, quindi dobbiamo sapere come siamo e come dobbiamo continuare.

L'ascolto ci fornisce informazioni che dobbiamo elaborare e analizzare in base a ogni momento, per prendere le giuste decisioni in ogni situazione di allenamento dei giocatori.

Dobbiamo fornire ai giocatori che possono trasmettere ciò che pensano e sentono sul processo di allenamento o su situazioni specifiche. In molti casi, gli allenatori si rifiutano di ascoltare, probabilmente perché non abbiamo tutte le risposte e quindi evitiamo di essere in evidenza. Non succede nulla, dobbiamo presumere che non sappiamo tutto; ma siamo obbligati a cercare le risposte ai dubbi o alle domande che possono sorgere ai giocatori.

Se noi ascoltiamo, stiamo percorrendo il ritmo del nostro apprendimento e quello degli atleti.


"La tua verità aumenterà nella misura in cui sai ascoltare la verità degli altri."

Martin Luther King


Empatia


"L'identificazione mentale e affettiva di un soggetto con l'umore di un altro"

Senza empatia non saremo in grado di comprendere i sentimenti e i comportamenti degli altri.

Senza empatia non saremo in grado di comprendere le circostanze che possono influenzare situazioni specifiche.

Con empatia saremo in grado di stabilire collegamenti e relazioni di comunicazione più efficaci con giocatori.

Con empatia saremo in grado di trasmettere il nostro messaggio più velocemente e meglio, soprattutto su base individuale.

Essere in grado di comprendere l'umore dei nostri giocatori ci consente di allenarci in un modo più adeguato, stabilendo la velocità e la metodologia di apprendimento appropriate in ogni momento.

Sapendo cosa dici, senti e il tuo umore saremo pronti a comunicare il nostro messaggio nel modo più appropriato possibile.


Comunicare


"Gli allenatori non ci apprezzano per quello che facciamo, ci apprezzano per quello che facciamo fare a gli altri."

Jesús Candelas


Il successo della comunicazione tra allenatore e atleta non dipende da quanto è buono il messaggio, dipende da ciò che l'atleta capisce. Ecco perché la cosa più importante della comunicazione non è ciò che facciamo, è come lo facciamo. Non è il messaggio, è come lo trasmettiamo. Non sono i gesti stessi, sono quando e come li eseguiamo.

La leadership funziona con la comunicazione, guidare è trasmettere con passione quel messaggio che sappiamo che fa bene al gruppo. Farla arrivare nel modo più efficace ed efficiente sarà possibile solo se analizziamo bene le informazioni che abbiamo sui nostri giocatori.

Possiamo già elaborare la migliore strategia, e se non siamo in grado di farlo, di capire i giocatori, loro non lo metteranno in pratica e sarà la peggiore perdita di tempo.

Il feedback degli atleti ci aiuterà a percepire se siamo stati in grado di catturare, trasmettere e appassionare.


“Quando parli molto, le persone si stancano di ascoltarti. D'altra parte, se dici solo ciò che è necessario, quando avrai bisogno dell'attenzione del gruppo, la avrai ”.

Javier Mascherano


6 vistas
ok_academy_png_revista.fw.png